Belluno - Cadore

Dall'impervia erta del Castello di Podestagno allo xenodochio di Ospeda'
di PRELLA FACCHINI Laura

Laura Prella Facchini ci conduce per mano dal Medioevo all’Età Moderna su un difficile tratto dell'Alemagna con in suo studio (pp. 57-74). Siamo attorno al km. 110 dell’attuale strada di Alemagna, e attorno alla rocca di Podestagno, si svi-luppano storie e vicende connesse alla difficoltà di passare il tratturo-mulattiera in uno dei punti più difficili del percorso Sud-Nord e alla sua tutela e protezione.
I pellegrini e con loro inevitabilmente le merci scendevano da Nord a Sud dall’epoca longobarda poi maggiormente dai primi decenni successivi all’anno Mille, quando la mulattiera fu messa in grado di accogliere il passaggio di piccoli carri.
Il luogo ricava il suo nome forse dal tedesco Boitenstein, “roccia sul Boite”, o da un presunto, latino-ampezzano post stagnum, “dopo lo stagno”. Il dislivello tra la foce del torrente Felizon e il castello era di circa duecento metri da percorrere in 800 metri lineari, fino a raggiungere gli oltre 1500 metri sul livello del mare.
Lo studio esamina tutti i lavori e i tracciati documentati, la storia del castello di Podestagno e quello dello xenodochio, cioè ricovero per pellegrini di Ospedà, località che nel proprio toponimo definisce la sua stessa vocazione. È studiato anche il curioso sistema di trasporto delle merci su carri trainati da buoi con turni di rotazione in base ad un preciso elenco detto rodolo; le tariffe di trasporto erano determinate dalla comunità agordina.
I carri utili costruiti appositamente per affrontare lo specifico percorso verso la Germania si chiamavano Terviswagen (carri da Treviso).
La fervida attività di commercio che si svolgeva lungo questa pur così disagevole via diminuì vistosamente a partire dal 1728 quando Trieste divenne il primo emporio marittimo dell’Austria con porto franco. Nel 1806 ci fu la fine del trasporto a rodolo a seguito della costruzione della nuova Alemagna e con la soppressione della Comunità del Cadore.

 
| Pagine: 57-74 |   Anno: C2008-007 |
Circolo Vittoriese di Ricerche Storiche - cf 93001500268
31029 - Vittorio Veneto (TV) - www.circolovittoriese.it